Le ricette del sabato – Risotto al prosecco

Buon giorno a tutti, e buon inizio week end!

Come ho già detto il sabato mi ispira e ho deciso che da oggi ogni sabato ci sarà la ricetta del giorno, “Le ricette del sabato”.
Questo è per tutte quelle persone che solo il sabato e la domenica hanno tempo di pranzare a casa in santa pace. La vita frenetica di tutti porta a mangiare al volo senza neanche concedersi quel magico momento in cui assapori piano piano il tuo piatto.
Questa ricetta che vi propongo oggi unisce due delle cose che la nostra terra più ama: prosecco e risotto. Quindi ecco a voi il Risotto al Prosecco

Gli ingredienti sono questi :

320g di riso vialone nano
350g di prosecco Conegliano-Valdobbiadene DOC spumante
160g di scamorza
100g di porro
prezzemolo
1l di brodo vegetale di pollo
60g di burro
sale, pepe

Preparazione:

Pulisci il porro levando le foglie esterne più dure, poi risciacqualo bene e taglialo a rondelle. Asciugalo e fallo stufare in una pentola con 20g di burro, quindi insaporiscilo con sale e pepe di mulinello macinato al momento. Metti da parte al caldo. Fai tostare il riso in una casseruola, bagnalo con il vino Prosecco -che avrai in precedenza scaldato in un tegamino- e fai evaporare. Continua a mescolare con un cucchiaio di legno, unisci il porro e inizia ad aggiungere dei mestolini di brodo bollente mano a mano che la cottura lo richiede, senza smettere di mescolare. Insaporisci il riso con un po’ di sale e pora a fine cottura, sempre a fuoco dolce. Taglia la scamorza a dadini e aggiungila al riso facendola sciogliere. Manteca con 40g di burro e completa il risotto con una macinata di pepe fresco e una spolverata di prezzemolo tritato finemente. La scamorza può essere sostituita da un altro formaggio tenero e non stagionato (Asiago, Montasio, Piave o latteria).

Per questa ricetta vi consigliamo di accompagnarvi con un calice di Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene spumante, insomma quello che non usate per il risotto ve lo bevete.

Bene e con questa ricetta vi lascio al vostro week end, a rivederci amici lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *